Il massaggio infantile

Categories post parto

Nella vita intrauterina il feto viene continuamente stimolato dal liquido amniotico e dalla crescente pressione del suo corpo contro le pareti dell’utero . Il contatto e il calore accompagnano il feto per 9 mesi strutturando un’esperienza tattile che costituirà le sue prime memorie corporee. Durante il travaglio, le contrazioni dell’utero stimolano la pelle del feto, queste stimolazioni hanno la stessa finalità del leccamento del cucciolo animale, preparando tutti gli apparati a funzionare in modo adeguato. Il cucciolo animale ,se non è leccato, non sopravvive. La nascita è un evento molto stressante per il bambino: il primo respiro , il taglio del cordone ombelicale , il cambiamento della circolazione sanguigna, l’ambiente esterno molto meno accogliente e rassicurante di quello materno.  Il bimbo deve fare i conti con la forza di gravità: la sua colonna vertebrale si distende, perde il contatto con le pareti uterine, sperimenta lo spazio, viene investito da tantissimi stimoli come le voci, le luci, il freddo .  Solo i suoi organo di senso gli danno supporto, ricerca la madre, o meglio la sua voce, il suo seno, il battito del suo cuore, il suo abbraccio, il suo sguardo. Istintivamente la mamma lo accarezza e il bimbo sperimenta il contenimento. Attraverso la carezza, l’abbraccio, il massaggio, il bambino organizza meglio gli stimoli percettivi, cognitivi e motori. Toccare tutte le parti del suo corpo fa sì che si formi l’immagine corporea a livello della corteccia cerebrale.  Altro aspetto importante del messaggio è  quello psicologico.  La parola, il tono della voce , lo sguardo che sostiene , la mano morbida e sicura, le emozioni che si trasmettono,  danno al neonato la certezza di essere ascoltato e amato. Teniamo in braccio il nostro bambino senza paura di viziarlo, l’abbraccio dona piacere e rassicura di fronte alle situazioni difficili che il bimbo deve affrontare come la fame,la paura…gli facilita la presa di fiducia al rapporto umano , al rapporto con l’ambiente .
E non importa quanto si massaggi un bambino, è il modo in cui si massaggia che è importante!
“I bimbi hanno bisogno di latte, si. Ma ancora di più di essere amati e ricevere carezze” (F.Leboyer)