Il momento del travaglio e del parto è forse quello più atteso, ma anche più temuto dalle future mamme.
Durante tutta la gravidanza si cerca di immaginare che cosa succederà e le emozioni che si proveranno in quegli attimi… gioia, amore, forza paura e dolore.

Perineo nel parto

Pur essendo impossibile intervenire in modo diretto sulle funzioni involontarie del perineo che agiscono durante il parto, è possibile intervenire attraverso la volontà, riuscendo a migliorare la sua capacità di rilassamento ed il suo tono.

Per prevenire i danni del pavimento pelvico, che si possono verificare durante il parto, è innanzitutto necessario tenere ben presenti tre fattori e l’influenza che essi possono avere in quel momento così delicato:

  • i fattori di carattere personale, ovvero della donna stessa, cioè il rapporto che lei ha con il suo corpo, con la sessualità, con la sua storia personale, nonché quella della sua gravidanza e con il suo perineo;
  • l’ambiente, avendo cura dei fattori frenanti, che comportano irrigidimento e vanno a compromettere l’apertura, in favore di un ambiente accogliente, che preservi l’intimità;
  • il perineo, poiché è particolarmente sensibile e ad ogni evento che lo fa sentire aggredito o in pericolo e reagisce contraendosi, trattenendo il bambino, rendendo più difficile la sua espulsione.